Sulle orme di san Paolo verso Roma

Sulle orme di san Paolo verso Roma

Il pellegrinaggio che porterà i romani all'incontro dei giovani con il Papa al Circo Massimo, l'11 e 12 agosto. Dal 5 agosto i ragazzi della Capitale in preghiera da Pozzuoli.
11 Giugno 2018 Giovani

Paolo il viaggiatore, l’apostolo delle genti, il primo missionario. Non poteva che svolgersi sotto il suo nome il pellegrinaggio dei giovani romani (dal 5 al 9 agosto) in preparazione al grande incontro che i ragazzi di tutte le diocesi d’Italia avranno con Papa Francesco al Circo Massimo, sabato 11 e domenica 12. In centinaia di migliaia pregheranno insieme a Francesco per il Sinodo dei giovani del prossimo ottobre. Ogni diocesi si preparerà al raduno nazionale con un “cammino” verso Roma che valorizzi i santi del proprio territorio.

«Certo per noi sarà un po’ diverso – sottolinea il direttore del Servizio diocesano per la pastorale giovanile don Antonio Magnotta -. Per “arrivare” a Roma, dato che già ci siamo, dovremo uscire». Lo faranno sui passi dell’apostolo Paolo, appunto, per rivivere alcune delle sue esperienze più significative, ripercorrendo i luoghi che lo hanno visto protagonista. Si parte da Pozzuoli, dove il santo di Tarso sbarcò nel 61, e «facendo varie tappe sulla via Appia (da Itri a Fondi, Foro Appio, Tre Taverne, via Appia Antica Romana) si arriverà a Roma, sulla sua tomba». Il pellegrinaggio sarà caratterizzato da «esercizi spirituali itineranti» che «saranno al centro della dimensione spirituale di questo nostro viaggio. Ogni giorno faremo un cammino a piedi per piantarci saldamente sul terreno della storia della nostra fede per poi, una volta tornati a casa, condividere con la nostra comunità e con gli altri ragazzi d’Italia che verranno a trovare il Papa, il nostro itinerario accanto a Paolo».

C’è tutto il mese di giugno per iscriversi al pellegrinaggio, realizzato grazie al contributo e alla collaborazione dell’Opera romana pellegrinaggi e rivolto a ragazzi dai 17 ai 30 anni e ai giovani delle cappellanie universitarie. «Tutti coloro che parteciperanno all’itinerario paolino – aggiunge don Magnotta – saranno poi impegnati nell’accoglienza dei loro coetanei che arriveranno a Roma per l’incontro con Papa Francesco al Circo Massimo. La sera del 10 agosto, nelle parrocchie, si creerà un momento di condivisione delle varie esperienze dei pellegrinaggi». La quota di partecipazione è di 200 euro e per le parrocchie della diocesi di Roma va corrisposta esclusivamente in Vicariato. La quota comprende il vitto, l’alloggio, l’ingresso ai luoghi e il kit per la partecipazione all’evento con il Papa. Per procedere con l’iscrizione i parroci o i vicari parrocchiali dovranno compilare e inviare al Servizio diocesano le schede d’iscrizione (da scaricare online) entro il 30 giugno. Le cappellanie universitarie possono invece rivolgersi all’Ufficio Cultura e università del Vicariato.

«Sarà un bel momento per conoscere meglio San Paolo – conclude il sacerdote -, per regalare un po’ di tempo a se stessi, incontrare altri giovani durante momenti di meditazione e divertimento, imparando a rispettare l’altro. Il senso di questi giorni è puntare in alto. Sia con lo sguardo che con le attese di questi giovani che sono il futuro della Chiesa».

Fonte: romasette.it

Ufficio per la Pastorale Giovanile
della Diocesi di Roma

Piazza Giovanni Paolo II, 6 - 00184 Roma
06 69886447
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iscriviti alla Newsletter

Copyright 2018 - Tutti i diritti riservati - Powered by Nova Opera

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta